HUMAN+. Il futuro della nostra specie!

coopculturae_id_evento_807_3055 “Il futuro è arrivato. Solo che non è equamente distribuito”  _ William Gibson

Cyborg, superuomini e cloni. Evoluzione o estinzione? Che cosa vuol dire essere un uomo o una donna oggi? E come sarà tra cent’anni?

Nel frattempo la tecnologia fa passi da gigante. Dobbiamo continuare ad accettare che la nostra mente, il nostro corpo e la nostra vita quotidiana vengano modificati o esistono confini che non andrebbero superati?
StreamImmagineOriginale.jpgLa mostra HUMAN+. Il futuro della nostra specie esplora i potenziali percorsi futuri dell’umanità considerando le implicazioni delle tecnologie passate ed emergenti. Il simbolo “+” in Human+ comporta un orientamento positivo per il futuro della nostra specie. Ma qual è questo orientamento?

Per gran parte del Novecento, il progresso è stato misurato in base all’ incremento di velocità ed efficienza – maggiore rapidità significava più forza ed efficacia – ma tutto ciò ha avuto come effetto collaterale quello di renderci più grassi, più tristi e più stanchi. C’è bisogno di ridefinire il concetto di riuscita.

1520014834583_jpg--.jpg

Il XXI secolo sarà caratterizzato dalla convergenza di settori come la biotecnologia, la robotica e l’intelligenza artificiale. Manipolazione di processi biologici, controllo di apparati meccanici e digitali, creazione di un’intelligenza non biologica al di sopra e al di là della comprensione umana: questi progressi sollevano interrogativi di natura etica sull’appropriazione della vita e l’alterazione dell’io.

Le forze convergenti di queste e altre correnti ci porteranno in luoghi nuovi e sconosciuti.

221.jpg
Per l’edizione romana della mostra il  ha voluto affiancare al corpus principale delle opere selezionate dalla Science Gallery di Dublino e dal CCCB di Barcellona un ulteriore contributo.

Un gruppo di opere, selezionate da Valentino Catricalà (Fondazione Mondo Digitale) ci mostrano il punto di vista di alcuni artisti italiani sul quesito posto dalla mostra: con la formula “Umano, sovraumano?” di nietzschiana memoria. Gli artisti affrontano il tema del + Umano facendo luce sugli inevitabili rischi insiti nel concetto di ‘potenziamento’ tecnologico ossia quello del ‘depotenziamento’ dell’essere umano, un punto di vista che è poi anche un invito alla consapevolezza di noi stessi e degli strati più profondi del nostro sentire.

coopculturae_id_sito_57_1149.jpg

Dalle provocazioni sottili ai grandi gesti, le opere in mostra ragionano sul modo in cui questi cambiamenti possono essere adottati e assimilati. Il valore della speculazione, infatti, non sta nella previsione ma nella riflessione. Per che cosa stiamo lottando?

Consapevolmente o meno, stiamo disegnando il nostro futuro, e ogni disciplina avrà un ruolo in questo processo. In mostra artisti, designer e scienziati ipotizzano e immaginano molti futuri possibili.

Ora tocca a voi 😉

BlogRomaisLove

 Human-696x365.jpg
 Palazzo delle Esposizioni: Via Nazionale, 194
Fino al 01/07/2018 Domenica, martedì, mercoledì e giovedì dalle 10.00 alle 20.00. Venerdì e sabato dalle 10.00 alle 22.30. Lunedì chiuso. L’ingresso è consentito fino ad un’ora prima della chiusura.
Prezzo Intero € 12,50 Ridotto € 10,00 Ragazzi dai 7 ai 18 anni € 6,00 Bambini fino a 6 anni gratuito

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...