Sagra dei Cuzzi co’ j’ajju a Roviano – 29 luglio 2018

pic-bc1c6d2a8ac7c475d38884f471bf255eb4775d8b-cover.jpg

Il  28 luglio 2018, la Sagra dei Cuzzi co’ j’ajju continua a sottolineare il carattere contadino del territorio e della comunità rovianese proponendo un piatto tipico locale: i cuzzi co’ j’ajju, pasta fresca tradizionalmente fatta a mano con farina di grano tenero, grano duro, granturco e acqua.

IMG_8873

Anticamente non si aggiungevano uova, che ora invece servono ad amalgamare meglio l’impasto per poi stenderlo con il mattarello (stennaréjjo in rovianese) e ottenere delle strisce di circa 50 cm di lunghezza, 4-5 cm di larghezza e qualche millimetro di spessore.

22

Cuzzi significa “corto e cicciotto” o potrebbe derivare da ‘nguzzunitu e significare “sporco, pieno di cozze”, essendo la pasta di granturco e quindi ruvida e scura. I cuzzi sono serviti in vaschette in legno o scifette e serviti durante il pranzo domenicale rovianese.

PASTA.jpg

Le anziane della comunità tramandano la ricetta e la preparano per tutta la famiglia, aggiungendo il condimento a base di aglio, olio extra vergine di oliva, salsa di pomodoro, peperoncino e pecorino locale grattato, e per questo detti cuzzi co’ j’ajju.

883181558-1024x1024.jpg

In occasione della “Sagra dei Cuzzi co’ j’ajju”, nella giornata di Sabato 28 luglio 2018 a partire dalle ore 10.00 saranno previste visite guidate presso i siti di rilievo del territorio Rovianese quali il Castello Brancaccio, sede del Museo della Civiltà Contadina Valle dell’Aniene, e Ponte Scotonico.

uova

Programma:
  • Alle ore 16:00: Apertura del Mercatino Artigianale che avrà al suo interno artigiani e produttori locali.
  • Alle ore 19:30: Apertura Stand eno-gastronomici
  • La serata proseguirà con un intrattenimento musicale. Saranno ospiti sul nostro palco: Alle ore 21:30: CIAORINO Band, è il gruppo musicale che più di tutti ha contribuito alla riscoperta di questo istrionico personaggio, Rino Gaetano. Il cantautore Alessandro D’Orazi ha fondato ed ideato il progetto insieme ad altri musicisti (Gianfranco Mauto, Paolo Fabbrocino, Peppe Mangiaracina, Francesco Accardo, Beppe Russo) creando spettacolo musicale articolato tra immagini e canzoni verso un pensiero comune: Ricordare “RINO”, suonare le sue canzoni, risentire tutte le emozioni, quasi come a voler salutare un amico.
Francesca Zanetti

blogromaislove1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...