APRITI AI NOSTRI BACI 💋

38412158_1643524995756418_6201565985216921600_n.jpg

Martedì 13 e mercoledì 14 novembre ore 21
♦ APRITI AI NOSTRI BACI ♦
regia e coreografia Francesca La Cava
drammaturgia Guido Barbieri
musica originale e live electronics Fabio Cifariello Ciardi
video mapping Salvatore Insana
scene e costumi Chiara Defant
disegno luci Carlo Oriani Ambrosini
Interpreti e collaborazione Sara Catellani, Andrea Di Matteo, Francesca La Cava, Manolo Perazzi e Valeria Russo
regia del suono Angelo Benedetti
foto Paolo Porto – Gruppo e-motion

19247714_1722781291095185_7238202980320148121_n.jpg
Il Novecento, secondo Christian Boltanski, è un muro. Un muro di ferro, immenso, sul quale si aprono centinaia di cassetti. Su ogni cassetto è stampato un numero e dentro ogni cassetto è nascosta una vita. O meglio le tracce di una vita: un certificato di nascita, una fotografia, un atto di proprietà, un documento di identità. Quel muro si intitola “Personnes”, cioè “persone”, ma anche “nessuno”.

30052349_2052658358107475_7494041887528024124_o.jpg

Il secolo nel quale sono nati i tre quarti dell’umanità è infatti diviso a metà da una contraddizione alta (per l’appunto) come un muro: da un lato è il secolo in cui l’individuo è la base ortogonale della società, in cui la persona, con il corredo dei suoi bisogni dei suoi desideri, occupa il vertice del sistema dei valori.

Ma dall’altro è il secolo dei consumi di massa, della cultura di massa: l’insieme degli individui che compongono la comunità sociale è, paradossalmente, la misura di quegli stessi bisogni e di quegli stessi desideri.

29983649_2052656504774327_787944205771853340_o.jpg

Per un verso la persona detta le leggi della convivenza collettiva, per l’altro si scioglie nel magma indifferenziato della folla. L’uomo massa diventa l’uomo atomo, la persona diventa nessuno, la convivenza solitudine.

Con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione Abruzzo e del Comune dell’Aquila.

29744609_2052658251440819_5115460660771687894_o.jpg

Residenze e coproduzione: Festival Oriente Occidente, CID Centro Internazionale della Danza di Rovereto e I Cantieri dell’Immaginario con il sostegno per le residenze di ACS Abruzzo Circuito Spettacolo.

BlogRomaisLove

blogromaislove1  Teatro Tor Bella Monaca: Via Bruno Cirino 00133 Roma Italia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...