“17 febbraio” Oggi si festeggia la Giornata nazionale del GATTO😺

roy7.jpgSguardo sornione, pose languide, falcata fiera, il gatto è uno degli animali più amati… Popola divani e social network, dispensa coccole e agguati  😉

Oggi 17 febbraio si festeggia la Giornata nazionale del GATTO😺La scelta di questa data deriva da un sondaggio che la giornalista gattofila Claudia Angeletti propose ai lettori della rivista “Tuttogatto” per stabilire il giorno da dedicare a questi animali.

roy

A vincere fu la lettrice che propose questa data, motivandola punto per punto:

  • febbraio è il mese del segno zodiacale dell’Acquario, ossia degli spiriti liberi ed anticonformisti come quelli dei gatti che non amano sentirsi oppressi da troppe regole;
  • tra i detti popolari febbraio veniva definito “il mese dei gatti e delle streghe” collegando in tal modo gatti e magia;
  • il numero 17, nella nostra tradizione è sempre stato ritenuto un numero portatore di sventura, stessa fama che, in tempi passati, è stata riservata al gatto;

roy1

  • la sinistra fama del 17 è determinata dall’anagramma del numero romano che da XVII si trasforma in “VIXI” ovvero “sono vissuto”, di conseguenza “sono morto”. Non così per il gatto che, per leggenda, può affermare di essere vissuto vantando la possibilità di altre vite;
  • il 17 diventa quindi “1 vita per 7 volte”!

Freyja_and_cats_and_angels_by_Blommer.jpgCreatura affascinante ed enigmatica, ha suscitato nell’uomo sia odio che adorazione, difficilmente indifferenza. Fu ritenuta una creatura magica in molti paesi del mondo: gli Anglosassoni lo consideravano una creatura fatata dei boschi al pari di gnomi, elfi, ninfe e folletti. Nella mitologia nordica, Freya era la dea dell’amore e della bellezza, spesso raffigurata su un carro trainato da gatti, la si invocava per incantesimi d’amore o di passione ed era legata all’intuizione e alla divinazione. E indovinate chi erano i suoi animali sacri?

BastetDark4.jpgIn Egitto il gatto era considerato un dio, anzi una dea, la Dea Bastet!  Una delle più importanti e venerate divinità dell’Antico Egitto, dea della casa, dei gatti, delle donne, della fertilità e delle nascite. Bastet seduce e incanta, in lei vi sono il maschile solare e il femminile lunare, Bastet era la Signora dell’amore, della gioia, del piacere, della danza e del canto e sotto la sua protezione erano posti gli animali a lei sacri, i gatti, ma anche chi incarnava questi aspetti di indipendenza e di fascino misterioso, di fragilità e di bellezza, quindi i bambini e le donne.

20181031_201707.jpgDal 1990 ogni anno in questa data si festeggiano questi meravigliosi animali, ormai parte integrante della famiglia di milioni di italiani, compresa la mia 🙂 Con eventi e mostre in programma in tutta Italia💖😺

  Antonella

blogromaislove1

Annunci

Rispondi