Storie di una madre intransigente❣️

giocattoli 1.jpgQualche volta mi chiedo quanto sarebbe stata più facile la mia vita, negli ultimi anni, se qualche volta avessi acconsentito all’ acquisto dello zainetto di scuola tanto di moda o di quella inutile pallina a gettoni? Tanto per fare qualche esempio… Quanti pomeriggi avrei “risolto”, quanti capricci avrei dribblato, quanta fatica mi sarei risparmiata indulgendo a un acquisto non necessario, a un regalo evitabile, a uno spreco consapevole?

mammaCome sempre, credo, la risposta sta nel mezzo e nella misura. Nel difficile e provvisorio equilibrio tra il rigore e il lassismo, tra l’intransigenza e la mollezza, tra il troppo e il troppo poco…

giochi.jpgIl dilemma sta nel crescere un figlio viziato, conformato e schiavo di falsi bisogni o tirar su un ragazzo frustrato, diverso e sfigato. Alla fine mi son detta che fare il genitore consiste nello scendere a patti ogni giorno con la propria coscienza e con le proprie intolleranze. Aggiustare sempre la rotta, un grado alla volta, con la pazienza di una santa. Discutere e ridiscutere i piani con me stessa, senza stancarsi. Ah dimenticavo… E’ assolutamente fondamentale perdonarsi di continuo 😉 

  Antonella

blogromaislove1

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.