I “POP REGRETS” DI CRISTIANA PEDERSOLI IN MOSTRA A ROMA ALLA GALLERIA RESTELLIARTCO FINO AL 30 NOVEMBRE!

collage (3).jpg

I “POP REGRETS” DI CRISTIANA PEDERSOLI IN MOSTRA A ROMA ALLA GALLERIA RESTELLIARTCO FINO AL 30 NOVEMBRE!

pedersoli0.jpg

In mostra fino al 30 novembre 2019 alla Galleria Restelliartco in Via Vittoria Colonna 9, i “Pop Regrets” di Cristiana Pedersoli. Presentati nell’ambito dell’Esposizione “In Pop We Trust” per la Rome Art Week, i Pop Regrets dell’artista, figlia del celebre Bud Spencer icona della cinematografia italiana, sono veri e propri oggetti Pop,indissolubilmente legati all’infanzia e alla storia personale dell’artista.

 “Tutto è iniziato da un salvadanaio che mi regalò mio padre – spiega Cristiana – lui lo definì un Raccoglitore di Sogni poiché all’interno vi avremmo messo dei soldi con i quali poi si sarebbe realizzato un desiderio. Il Salvadanaio già per la sua forma ricorda il grembo materno ed evoca un’idea di accoglimento e di cura: ha la funzione di riportare in vita concetti ormai perduti, come l’attesa, la focalizzazione su un obiettivo e la procrastinabilità di ogni desiderio. Può essere una fabbrica di sogni, la possibilità di ottenere poi qualcosa che non puoi avere subito, è una scommessa positiva, un sasso lanciato nel futuro…”

pedersoli12.jpg

Abbiamo incontrato Cristiana Pedersoli a pochi giorni di distanza dal compleanno di suo padre: il 31 ottobre 2019, Bud Spencer avrebbe festeggiato novant’anni. Il suo volto e il suo profilo è raffigurato in moltissime opere di sua figlia. A lui è inoltre dedicato il libro dal titolo “Mio Papà Bud” in uscita in questi giorni in Germania e in Ungheria.

pedersoli10.jpg

Tuo padre è stato uno dei volti più amati del nostro cinema e a lui hai dedicato un libro. Come era tuo papà nella vita privata?

Mio padre è stato un uomo molto fortunato, come si dice: ” Nato sotto una buona stella” e testimone di un tempo in cui tutto era più semplice. Aveva una grande umiltà , senza esibizionismi. La sua presenza era magnetica ed ingombrante nel senso bello della parola. Quando era a casa era impossibile non stargli accanto, tutto girava intorno a lui , energia allo stato puro. Era un uomo “rinascimentale” con una decenza e una eleganza legate all’educazione. Come padre è stato molto tenero ma anche gioioso e divertente. Scrivere questo libro su di lui è stato come ripercorrere le sue mille vite.

Il tuo libro “Mio Papà Bud”,  è uscito per un editore tedesco ed è stato pubblicato in Germania. Eppure tuo padre ha vissuto quasi sempre a Roma ed è stato molto legato a questa città… A cosa può essere dovuta, a tuo avviso, questa trascuratezza nei suoi confronti?  Questo libro è stato innanzitutto un viaggio introspettivo nei miei ricordi più reconditi che avevo necessità di mettere in ordine. Ho trovato inizialmente l’editore tedesco e quasi contemporaneamente quello ungherese che hanno accolto l’idea con grande entusiasmo e incredibilmente il libro in Germania, appena uscito, ha venduto più di 5000 copie in soli venti giorni; in Ungheria uscirà a Dicembre. In questi paesi mio padre è letteralmente un idolo, lo amano moltissimo, forse perché questi popoli hanno conservato quello spirito goliardico e fanciullesco i quali si rispecchiano nei personaggi interpretati da mio padre.

pedersoli8.JPG

Comunque il libro uscirà anche in Italia in primavera con Giunti Editore così potremo soddisfare le curiosità dei tanti fan italiani che avevano voglia di leggerlo. C’è comunque da dire che noi italiani siamo sempre più lenti e restii a riconoscere i meriti di qualcuno. A parte qualche snobismo iniziale dei critici e delle istituzioni che consideravano le pellicole di Bud Spencer e Terence Hill commerciali, con il tempo sono stati riabilitati ed è stato riconosciuto il loro giusto valore. Il pubblico invece li ha sempre amati moltissimo e questo è il dono più grande.

pedersoli13

Da tuo padre hai ereditato la creatività e la vena artistica. Sei scultrice e pittrice. In quale espressione artistica ti senti più a tuo agio?

 Papà aveva una grande creatività e curiosità verso la vita. Era un grande sognatore ed il suo pregio più grande è quello di aver fatto sognare e sorridere anche gli altri. Io diversamente da lui esprimo me stessa con la pittura e la scultura a seconda dello stato d’animo, sono dei simboli che osservo o delle immagini che fanno parte del mio vissuto. Noi non siamo altro che dei contenitori di attimi di colori e di sensazioni. Io colloco tutto questo nei miei lavori, sperando di trovare una connessione tra l’anima di chi li osserva e la mia. I salvadanai sono la mia prima espressione artistica, quella alla quale sono più legata.

74451364_10220510585893215_5700610762272145408_o.jpg

Hai esposto i tuoi Pop Regrets a Roma alla Galleria Restelliartco. Molti sono dipinti con soggetti ispirati alla Pop Art. Cosa è per te Pop?

I salvadanai “No Regrets” sono divisi in serie e sono unicamente esposti nella Galleria Restelli a Roma. La serie “Pop” è dedicata a chi ancora sa sognare … in questo caso è la trasformazione in arte di simboli o personaggi rendendoli una cosa sola alla portata di tutti. Il salvadanaio rappresenta la società dei consumi, la sua forma sferica è il cosmo intorno al quale tutto gira e sopra il quale l’arte trova la sua rappresentazione. Il salvadanaio è Pop !

73541647_10220510584813188_7801519763439484928_o

I tuoi Pop Regrets, Sono andati spesso all’asta per realizzare progetti benefici. Ce ne vuoi parlare?

I salvadanai No Regrets sono nati con questo fine benefico, quello di poter aiutare nella raccolta fondi le associazioni che si occupano di disagi infantili. Sono state fatte molte aste con questi salvadanai sia in Italia che all’estero  con l’intento di portare un piccolo contributo per aiutare dei bambini con gravi disagi. Il mio desiderio futuro è quello di creare una onlus per continuare questo progetto, iniziato con mio padre, con il maggiore impegno possibile. Dalle piccole cose nascono le grandi cose e bisogna sempre dare prima di pensare di ricevere.

75418846_10220510585293200_6592444000978862080_o.jpg
BlogRomaisLove

cropped-blogromaislove1

Galleria Restelliartco: Via Vittoria Colonna 9
Roma
Chiama 06 324 3919
Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.