Dolcemente complicate nell’ era post #METOO

metoo1.jpg

Non si può più fare niente mi dice sconsolato un amico notoriamente molto attivo con le donne. “Niente” per lui è fare il piacione, e sventagliare il suo arsenale di parole e gesti da esperto seduttore per adescare fanciulle maggiorenni e vaccinate, sia chiaro…  Praticamente una sorta di dongiovanni perbene.

Non hai più l’età, gli dico, buttando acqua sulla sua vanità da quasi cinquantenne ben tenuto 🙂 Mi piace prenderlo in giro… Ma so che sul mercato è merce ambita, classe A: single di ritorno con anulare libero e affido condiviso della prole, se ci si organizza bene nei weekend si riesce a prenderlo come fosse nuovo.

Ma non gli basta. Più di 10 anni in cattività coniugale lo hanno convinto che deve godersi quest’attimo fuggente di binge eating amoroso. È frastornato dall’offerta. Per questo nel giro di un anno si è trasformato da nerd monogamo in scaltro casanova. Ma i tempi sono duri, rincara. Bisogna andarci cauti o ti arriva un ceffone.

Il niente, gli dico, può avere tante accezioni. Niente per molti è fare il simpatico o marcare il territorio, esprimere a voce alta commenti grossolani, usare il proprio potere per ottenere favori sessuali, pretendere di non andare in bianco dopo una sera passata insieme.

metoo

Tutto questo era “niente” fino a ieri, perché abbiamo lasciato che accadesse. Pur sapendo che “qualcosa” era e non ci piaceva. Che potevamo fare, se non sottrarci facendo finta di niente? Un malcostume imperante, se accettato da tutti, puoi sconfiggerlo solo con battaglie personali.

Soltanto a posteriori abbiamo scoperto che tutte, o quasi, abbiamo avuto almeno un episodio di molestia, ma non si diceva…  La verità è che ognuno usava il proprio orticello di potere per mettere una bandierina. Non tutti, molti. In ogni ambito. Qualcuna ci cascava, qualcuna svicolava e si salvava. Da sola. Senza proclami e senza piagnistei. Se la follia è normalità succede che alla fine ci si adegui.

no.jpg

Poi è arrivato Weinstein, con le sue denunce di abusi effetto domino… Vedi caro amico perché è importante che le fanciulle si arrabbino a volte, malgrado le tue buone intenzioni?

Sei dentro una guerra più grande di te, e lo  sono anche loro… Lo siamo tutti! Nel centro preciso di una rivoluzione che vuole scardinare cattive abitudini e aprirsi a un nuovo mondo, più pulito, più giusto. Ogni conquista richiede scelte drastiche, equivoci, mattanze. Le rivoluzioni non sono mai diplomatiche. Difficile gestirle ma  giusto farle 😉

metoo6.jpg

 Antonella

cropped-blogromaislove1

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.