L’unica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa

metro1.jpg

La paura è una alleata fedele dell’umanità. Anzi. È una condizione necessaria per la sopravvivenza di ogni animale che se ne va a spasso sulla Terra, da sempre e per sempre.
Ti annebbia la vista e rallenta i tuoi riflessi, ti toglie lucidità e consapevolezza. Sottrae ossigeno al tuo cervello, forza al tuo cuore e profondità al tuo sguardo.

«Nelle situazioni di crisi alcune persone possono sentirsi travolte dal clima negativo, schiacciate dalle notizie ansiogene che ogni giorno si affollano sui media, mentre altre possono avvalersi di una risorsa interiore, o resilienza, che permette loro di resistere alle negatività, di non subirle come come fatti ineluttabili e di mantenere viva la speranza in un futuro migliore, grazie anche al loro impegno personale» (tratto dal libro “Più forti delle avversità. Individui e organizzazioni resilienti).

roma4.jpg

Se la paura diventa panico, e angoscia, e paranoia, ti ammazza lentamente invece di salvarti. Ti condanna a un progressivo isolamento, ti nega per sempre la gioia di vivere, che in ultima analisi rappresenta il senso stesso della vita. La paura è una spalla leale finché sei tu a condurre il gioco. Se le lasci il timone, dirotta la tua esistenza fino a farla deragliare. E diventa il vero mostro da cui dovrai difenderti per non morire.

colosseo9

Usare la paura come il sesto dei nostri sensi, senza mai ignorare la voce potente degli altri cinque. Prestarle ascolto senza distrarci dal vivere. Rispettarla senza abdicare, senza rinunciare a tracciare la rotta. Stemperarla con la gioia di vivere, ammorbidirla col balsamo della speranza. Questo è! Non abbiamo altra scelta.

ANTONELLA

cropped-blogromaislove1

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.