Eufrosino Osteria🥂

In via di Torpignattara 188 trovate Eufrosino Osteria, un luogo dove la cucina attingerà dalla memoria, dove i bocconi saranno ricordo gustoso da rinnovare. Una sfida ambiziosa: un luogo in cui trovasse spazio la cucina della rimembranza, un luogo dove gli arredi richiamino il calore delle osterie con boiserie e le stoviglie ceramiche familiari nelle case delle nonne, in cui i profumi aleggino e abbraccino prima i pensieri per poi solleticare il palato. Così è iniziata la nuova avventura che vede al fianco di Marco come socio e ai fornelli Paolo D’Ercole, alle prese con una cucina popolare e regionale, la stessa che non ha mai abbandonato i quartieri della città, ma che racconta quanto Roma sia altro da sé stessa.

“Non vogliamo un’osteria di cucina romana – specifica Marco – almeno per i primi tempi non ci saranno i piatti della tradizione romana, vogliamo che i classici romani non distraggano dalla proposta”. SarĂ  un posto dove sedersi e sentirsi a casa, un posto dove chiunque venga da ogni parte d’Italia possa ritrovare un sapore delle proprie origini, perchĂ© poche cose legano la memoria al gesto come il recupero di un gusto del passato. Per i romani “sarĂ  dove mangiare qualcosa di diverso ma non necessariamente nuovo”, pensandoci in effetti passatelli o tortellini in brodo, brasati, ragĂą, gulash o prosciutto cotto in crosta di pane è diverso da quello che i capitolini sono abituati a trovare in osteria, ma non è nuovo, è tradizione altrove.

Cucina romana? No, italiana". Tra tortellini, tagliatelle e brasati, i piatti della memoria di Eufrosino

“Il menu cambierĂ  ogni mese, sarĂ  snello nelle proposte ma variegato – lascia intendere il cuoco che non vuole essere chef, ma cuciniere -. RispetterĂ  la stagione delle proposte dei mercati, vedrĂ  piatti delle tradizioni regionali cucinati secondo le regole, solo alleggeriti in alcuni passaggi. Non ho ancora comperato le padelle, ma ho giĂ  preso i cocci”, racconta Paolo, illuminandosi nel descrivere i tegami in terracotta dove preparare stufati e brasati, dove lasciar cuocere le preparazioni con il tempo della pazienza. SarĂ  una zuppiera a tavola o un arrosto servito intero, sarĂ  un prossimo futuro col carrello per porzionare a tavola, dolci da tagliare al momento e porzioni condite di generositĂ . “Un tempo l’osteria era l’oste o la cucina”, ricorda Pucciotti, per sottolineare quanta importanza ci fosse e quanta attenzione si debba mettere nella scelta di chi in cucina e in sala allieta gli ospiti. “Ed è lì che vogliamo tornare.”

Cucina romana? No, italiana". Tra tortellini, tagliatelle e brasati, i piatti della memoria di Eufrosino

“L’esigenza di ritrovare cose che mangiavo nell’infanzia, unito al fatto che volevo mettermi alla prova- racconta il cuoco-, fino allo scorso anno non mi ero mai avvicinato al gourmet dal punto di vista della cucina, poi ho avuto la possibilitĂ  con Ciro Scamardella e anche grazie a Roy Caceres di fare uno stage di quattro mesi da Metamorfosi: ero lo stagista piĂą attempato”. Paolo non è alle prime armi, anzi alle prime spadellate, ha trentotto anni e un passato nelle cucine dei grandi numeri, in un ristorante romano. “Mi sono voluto avvicinare alle piĂą moderne forme di cucina”, ed è da queste conoscenze sul campo, insieme alla smania di lettura e studio, che capisce quale sarĂ  la strada da percorrere per realizzare il suo sogno. “Pensavo, come tutti i cuochi di trattoria, a venti coperti e diciotto persone in cucina. No, non è così: si lavora tantissimo e si fatica, si rispetta la gerarchia e il rigore”. Quello che voleva realizzare doveva ancora prendere forma, “per quanto poco tempo mi ci sia avvicinato, giĂ  intuivo che non era quella la mia strada: mi ha aiutato a rafforzare la consapevolezza rispetto a quello che volevo mangiare, e di conseguenza a quello che volevo cucinare”.

72485947_133955931341194_4804336308338032640_o


Le scelte coraggiose in termini di format e concetto sono interpretate brillantemente dalla brigata e dalla squadra di servizio, restituendo un’immediata e ucronica impressione di autenticitĂ  che sembra piombata all’improvviso tra le mura pitturate di fresco. Pochissime le rifiniture da mettere in opera in cucina, quasi nessuna invece da applicare in sala: a sistemare i dettagli, così come ad autenticare l’atmosfera e a glassare il mobilio…

102838354_295138695222916_6652984764478899123_o

La fresca novitĂ  al caffè di Eufrosino Osteria, disponibile da oggi! Il gelataio Paolo D’ercole  è pronto a farvi fare un tuffo nella cucina del passato.

Francesca

cropped-blogromaislove1

Eufrosino Osteria: Via di Torpignattara 188
Roma
Chiama 348 588 3932

🍽Aperti dalle 19.30 alle 23 tutti i giorni tranne il martedì.
La domenica aperti anche a pranzo dalle 12.30 alle 15

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.