#Pere = Autunno🍐 🍂🍐 La Salute bolle in Pentola

#Pere = Autunno 🍐🍂🍐 La Salute bolle in Pentola

Al contadino non far sapere… così va il detto e mai parole furono più vere, almeno a proposito della pera. Estremamente versatile in cucina, la pera è regina della tavola a tutto pasto: dai ravioli alle pere e al formaggio che dimostrano ancora una volta la tesi sostenuta dal proverbio, ai dolci più e meno elaborati come la torta di pere e yogurt, soffice e leggera.

Mangiata fresca (e di stagione, ricordiamo che ha cicli estivi e invernali) la pera è un dessert naturale grazie all’alto contenuto in fruttosio, oltre a tantissime vitamine, fibre e sali minerali. Tra le più diffuse troviamo Abate, Kaiser e Conference, mentre a livello locale sono da provare Madernassa e Martin Sec cuneesi, Nobile emiliana, Angelica marchigiana e Monteleone di Orvieto, che per tradizione chiama l’abbinamento con le castagne.

La pera è un frutto particolarmente indicato nelle diete dimagranti, innanzitutto per il contenuto di fibra, che esercita un notevole effetto saziante, ma anche per la presenza di potassio e abbondante acqua, che favoriscono la diuresi, contrastando efficacemente la ritenzione idrica. “Il calcio è utile per i problemi alle ossa mentre il potassio per la circolazione sanguigna. Il buon contenuto di acido folico rende la pera un frutto altamente consigliato in gravidanza (salvo i casi di diabete gestazionale per i quali è bene stabilirne quantità precise di assunzione) e in caso di gotta, poiché l’acido folico favorisce l’eliminazione dell’acido urico”.

Parlando delle pere e delle proprietà che apportano, la nutrizionista specifica che i benefici sono più o meno evidenti in base alla varietà del frutto: “ad esempio, la pera Decana è quella che, più di tutte, esplica le proprietà drenanti, mentre la Abate è quella maggiormente utile contro l’invecchiamento della pelle, in quanto la più ricca di vitamine A ed E. La pera Kaiser, essendo la più succosa, è invece più energizzante, mentre la William è la varietà che meglio sostiene la funzionalità intestinale, grazie all’abbondante fibra presente nella buccia (conviene quindi mangiare queste pere senza pelarle)”. La pera apporta numerosi benefici al nostro organismo. Infatti, come ci spiega la dottoressa, ha un elevato potere energizzante, dovuto alla presenza di zuccheri e delle vitamine B1 e B2, che favoriscono il recupero delle forze. “Questa proprietà risulta particolarmente efficace al termine della stagione estiva quando, in conseguenza delle temperature elevate, è necessario recuperare vitalità ed energia”. Il glucosio presente, inoltre, aiuta a contrastare la calura, ristabilendo una normale temperatura corporea.

La pera sostiene la funzionalità intestinale, non solo grazie alla presenza di fibra, ma anche della lignina, che sembra anche prevenire l’insorgenza di tumori al colon. “Inoltre, il sorbitolo, pur essendo uno zucchero, è in grado di prevenire le carie dentali e favorisce la digestione, mentre la pectina svolge un effetto lassativo, oltre a espellere o, comunque, tenere sotto controllo il colesterolo cattivo”. Grazie al contenuto di vitamina A, la pera è utile nel contrastare l’invecchiamento della pelle (unitamente alla vitamina E) e proteggere gli occhi, migliorando la vista

 

Anche voi utilizzate l’ uva in cucina?
Raccontateci le vostre #ricette🍲d’ Autunno🍂

Francesca

cropped-blogromaislove1

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.