Più facile agognare la felicità invece di costruirla… e quello che cambia è sempre il punto di vista🗝️

Oggi mi sento ispirata… Nella vita ho visto che è più facile agognare la felicità invece di costruirla, quello che cambia è sempre il punto di vista con cui si guardano le cose🗝️Non è la prima volta che lo dico, ma mi sono accorta che esiste un pudore della felicità, una vergogna nell’ esternarlo, come se si dovesse avere una ragione precisa materiale per essere felici, quando io invece credo il contrario, bisogna avere una ragione precisa per non esserlo! Nella vita di tutti noi accadono e sono accadute cose davvero tristi e toccanti, eppure in molti occhi tristi che ho incrociato, ho visto una forza che mi ha aiutato e mi aiuta nella quotidianità.

So che parlare di  Dio è  poco moderno, ma in fondo sono vintage per molti aspetti: sono una cattolica (sempre più…), non ho tatuaggi, non mi sono mai fumata una canna, e ho ancora un indirizzo email con hotmail.com! Non sono qui per evangelizzare nessuno, Dio è come l’amore, ognuno lo vive in maniera intima e personale, e qualche volta ravvicinata… però i messaggi positivi sono universali e quindi ho pensato che così come migliaia di persone al giorno condividono gli aforismi dei grandi della letteratura e della filosofia, io vorrei condividere con voi alcune regole che mi ha trasmesso Padre Giuseppe… il mio sacerdote di fiducia 😉

Le regole giuste per essere in pace con se stessi:
  • Sei Vivo. Questo per molti sembrerà scontato, ma quando perdi qualcuno capisci che non lo è… Se pensi a quanto la vita, il tempo, la giovinezza e la salute siano fugaci, capisci di quanto sia un dono essere vivo e in salute adesso, quindi siamone felici.
  • Scegliti così come sei. Accettati, ora adesso, così, non quando avrai perso 8 kg, non quando il tuo lavoro sarà più soddisfacente, non quando avrai vinto il concorso, adesso, ora! Se non ti scegli tu per come sei pensa se ti potrà mai scegliere un altro.
  • Scegli di diventare te stesso/a.  Abbi il coraggio di affermare il tuo pensiero, di inseguire la vita che vuoi tu, non quella che gli altri si aspettano da te, sii coerente con il tuo cuore, nella vita potrai mentire a tutti tranne che alla tua coscienza.
  • Scegli l’amore. Prima d’amare qualcun altro impara ad amare te stesso, e rivolgi a te stesso tutte le cure e le attenzioni che la società ci dice che dobbiamo rivolgere a chi amiamo. La frase “ama il prossimo tuo come te stesso“, presuppone che ognuno di noi non ha persona al mondo che ama di più di se stesso. E l’amore è una cosa diversa dal narcisismo, non è mostrare di essere i più fighi, è rispettarsi, è fare quello che ci fa bene e allontanare ciò che ci rende deboli.
  • Scegli di donarti. Molti hanno avuto il coraggio e la forza di donare tutta la propria vita ad una causa esterna, ammiro molto queste persone e mi dispiace di non avere la loro forza, ma credo che il donare possa esistere anche nelle piccole cose. A volte il supporto e l’aiuto si da anche con azioni minuscole, donare è un po’ come la fiducia nel prossimo di cui parlo spesso, può essere contagioso, così come quando viaggi mostri fiducia nei confronti di chi incontri e salvo eccezioni ricevi una grande energia in cambio, così donando se stessi a chi ne ha bisogno si può ricevere molto e soprattutto, si può creare una catena contagiosa. In fondo non solo l’odio si diffonde in maniera epidemica, può succedere anche con i sorrisi.

Non ho preso un peyote prima di scrivere questo post è che a volte ci concentriamo sulle cose più complesse senza pensare che la soluzione è proprio lì vicino a noi, non ho detto che sia facile, penso solo che sia vicino…

ANTONELLA

cropped-blogromaislove1

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.