L’Estasi Mediterranea di Edoardo Gallorini ad AltaRoma 2021✴️

 L’Estasi Mediterranea di Edoardo Gallorini ad AltaRoma 2021✴️

“Estasi Mediterranea” è un viaggio in barca a vela, che parte da Venezia e raggiunge le isole Eolie, con destinazione Stromboli, un’isola magica, estraniante, che genera un senso di meraviglia e stupore, di impotenza di fronte alla forza dirompente della natura. E infatti la protagonista del nostro viaggio, stesa sul ponte della barca davanti alla sciara del fuoco, ripensa al concetto di Sublime kantiano, legge i poeti dello Sturm und Drang, mentre il vento muove il suo caftano e il profumo del mare e della crema solare la inebriano.

Gli abiti, tutti Made in Italy, trasudano un glamour rilassato, pensati per accompagnare donne impegnate e sofisticate nel corso della loro giornata. Rimandano a personaggi come quello di Mariangela Melato di “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” di Lina Wertmüller, la Tilda Swinton di “A bigger splash” di Luca Guadagnino, e la Catherine Deneuve di “La Cagna” di Marco Ferreri, con la loro eleganza naturale, eccentrica e imperturbabile. La collezione si divide in due parti: una sartoriale, pulita e precisa nei tagli e nelle costruzioni composta da completi morbidi e leggeri, pensati per uno smartworking dall’isola di Stromboli, con giacche più o meno strutturate e pantaloni ampi.

La seconda parte è invece costituita da capi drappeggiati a manichino, con giochi di pieghe che li rendono unici. Caftani e camicie stampate; abiti in garza di cotone per un matrimonio eoliano e altri ariosi abiti in chiffon per una sera in barca a vela, tutti rigorosamente con il loro foulard in seta abbinato.

Per finire, completi dalle stampe eccentriche, come cappesante e scampi, ma anche paesaggi e simboli, che ricongiungono Venezia alle isole del Mediterraneo, realizzati con foulard in seta, tutti disegnati a mano personalmente da Edoardo. La palette colori è molto ampia: si passa da un mondo di sfumature di blu mare, ai colori
della terra, sapientemente mescolati ai toni del bianco, come vecchi muri scrostati delle case eoliane, intervallati da momenti di colore più neutri e maschili come il gessato a quelli più accesi come il giallo delle ginestre, il fuchsia delle bouganville, l’arancione dei fichi d’india. Il brand guarda con attenzione al tema della sostenibilità utilizzando quasi esclusivamente tessuti di recupero, con una preferenza per tessuti naturali e di pregio, alcuni dei quali con certificato ReLive Tex, rilasciato da Maeba International, la prima asserzione ambientale che riguarda i processi di recupero di tessuti che garantisce la trasparenza e la tracciabilità dei tessuti dall’origine. Scelta sostenibile anche per le spedizioni dell’e-commerce, per le quali è stato scelto un packaging biodegradabile e compostabile, plastic-free.

L’obiettivo di Edoardo Gallorini è quello di presentare la propria lettura di glamour, tra il recupero di atmosfere iconiche e la riflessione sui nuovi desideri delle donne, con l’intento di restaurare uno stile funzionale nel contenuto, ed affascinante nella forma, dal sapore cinematografico. La dichiarazione d’amore e appartenenza a Venezia si ritrova sin dal logo, che prende in prestito il linguaggio grafico dei “nizioeti”, le indicazioni stradali veneziane, cucite ai muri della città come le etichette di un vestito di pregio!

Federica

cropped-blogromaislove1

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.