Oggi guidavo e pensavo โ€œMa sono proprio io?โ€๐Ÿš˜

Oggi guidavo e pensavo โ€œMa sono proprio io?โ€ ๐Ÿš˜

Eโ€™ solo che sto cambiando… E, nonostante ogni attimo di questa mia nuova vita mi piaccia tanto, la sensazione รจ un poโ€™ strana.
Perchรฉ mi ritrovo ad apprezzare cose che mi avevano sempre lasciata indifferente, se non infastidita.
Come se fossi il rullino di una macchina fotografica che รจ stata aperta e lasciata al sole. Tutto mi rimane appiccicato. Immagini, profumi, sensazioni, suoni. Trattengo tutto, e poi devo trattenere me stessa per non sovraccaricare questo blog di post lunghissimi e noiosissimi… O forse semplicemente mi trattengo perchรฉ รจ giusto che alcune esperienze, alcuni momenti, rimangano dentro di me. Un giorno, forse, spero, li metterรฒ tutti da qualche parte.
Mi sento come quando, a 20 anni ogni attimo era una novitร , ogni posto era una scoperta. E di quel periodo ho poche foto ma milioni di immagini nella mia testa. Che non vanno via.
E mi sconvolge anche scoprire che certeย cose non mi mancano. Mi mancano le persone, quelle sรฌ. Ma alcuneย cose, alcune situazioni, i momenti di stress che io definivo โ€œpositivoโ€ ma forse cosรฌ positivo non era, non mi mancano per niente. E ora capita che certe cose mi innervosiscano, proprio come succedeva in ufficio, ma, senza deciderlo, mi ritrovo a reagire con serenitร , lasciando perdere.
Ecco, lascio perdere. Lascio scorrere…
Mi faccio scivolare addosso. E non รจ per forza una cosa positiva, anzi, potrei anche aver lasciato passare offese o momenti contro i quali avrei dovuto invece combattere. Ma mi succede. E mi fa stare benissimo.
Oggi guidavo e pensavo โ€œMa sono proprio io?โ€.
Perchรฉ io, prima, non ero solo quella persona tenera innamorata, capace di post e letterine mielose. Ero anche una grandissima scassaminchia, nella vita e sul lavoro.ย  A volte anche arrogante. E pensavo che il mondo fosse da aggredire, ed ero convinta che si dovesse qualche volta attaccare per primi. Sempre, se attaccati.
Come diceva mille anni fa un mio adoratissimo capo: vado di lร  a dare qualche schiaffo ai colleghi. E mi faceva morire dal ridere, ma era cosรฌ: ogni tanto bisognava alzare i toni per far capire chi era (quello che si riteneva) il piรน forte.
Attenzione, non รจ che mi sia sparita la determinazione e il confronto… Se si parla di argomenti che mi stanno a cuore sono capace di andare avanti fino al mattino, fino ad ottenere lโ€™ultima parola (per sfinimento dellโ€™avversario). Ma solo per ciรฒ che ritengo fondamentale. Tutto il resto mi scivola addosso.
Ancora una giornata di traffico caotico nella capitale, con strade paralizzate e automobili incolonnate… Cโ€™รจ cosรฌ tanto traffico che quando scrivi la destinazione al tipo del navigatore dice: โ€œSenti, tu fai come vuoi ma io me la faccio a piediโ€

ANTONELLA

cropped-blogromaislove1

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.